News       Pubblicata il

CARLANTINO, SI’ ALLA RESIDENZA PER ANZIANI


CARLANTINO, SI’ ALLA RESIDENZA PER ANZIANI

ALTRO Presto gli anziani di Carlantino è dei comuni limitrofi avranno a disposizione una nuova residenza socio-sanitaria assistenziale. La Regione Puglia, infatti, ha accordato al Comune di Carlantino un finanziamento pari a circa 800mila euro che servirà per recuperare lo stabile dell’ex scuola elementare e renderlo idoneo a ospitare la struttura socio-sanitaria. Il procedimento di conversione dell’ex scuola elementare, col progetto di trasformare il plesso in residenza per l’assistenza agli anziani, era stato avviato dal Comune di Carlantino nel 2011. Dopo l’avvio dell’iter, era stato emanato un bando di gara rivolto alle imprese che volessero concorrere per adeguare e allestire il vecchio edificio rendendolo idoneo a ospitare una struttura socio-sanitaria. La realizzazione di quanto previsto sarà finanziata in parte con risorse regionali e, per la quota restante, con risorse messe a disposizione dal soggetto cui sarà affidata la struttura. Al bando ha risposto una cooperativa sociale di Volturino. Dopo l'approvazione del Piano di Zona dei Monti Dauni Settentrionali, il Comune di Carlantino ha potuto candidarsi a ottenere i fondi regionali previsti per la realizzazione di nuove infrastrutture che potenzino i servizi socio-sanitari sul territorio . L'inizio dei lavori per la realizzazione della struttura è previsto già per il prossimo autunno. La residenza sarà dedicata al santo patrono di Carlantino e, dunque, si chiamerà “San Donato”. Avrà disponibilità di circa 20 posti e la gestione sarà affidata alla cooperativa volturinese che ha co-finanziato il progetto. La struttura sarà in grado di offrire non solo servizi socio-assistenziali, ma anche riabilitativi per gli anziani autosufficienti, non autosufficienti, non assistiti a domicilio e privi di sostegno familiare sia carlantinesi che provenienti da comuni limitrofi. Si tratta di una struttura che, non appena ultimata, saprà dare una risposta ai numerosi disagi degli anziani del territorio e creare nuove opportunità occupazionali, data la necessità di assumere personale qualificato, per assicurare il corretto funzionamento della residenza.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic