News       Pubblicata il

SOFIM IN CIG, TUTTA COLPA DEL SOL LEVANTE


SOFIM IN CIG, TUTTA COLPA DEL SOL LEVANTE

ALTRO (Servizio in onda nel tg delle ore 14.00-20.30-23.00) - Stop di 5 giorni alla Sofim di Foggia. Era successo solo a gennaio, subito dopo Capodanno. La crisi, dunque, non molla la presa e la cassa integrazione ora fa prepotentemente capolino anche nello stabilimento Fiat di Capitanata.
I lavoratori, infatti, resteranno a casa dal 26 aprile al 3 maggio. Una lunga pausa che sommandosi ai 5 giorni di CIG di gennaio e ai 4 di marzo e di aprile, porta i giorni di chiusura a 17. Se a questo si aggiunge che l’azienda ha già fatto richiesta di cassa integrazione per altri 5 giorni a fine maggio (23-24-29-30 e 31), c’è di che allarmarsi.
Soprattutto alla luce di quanto accaduto nel 2012 quando la Sofim lasciò a casa i dipendenti solo per una decina di giorni.
Tutta colpa del Sol Levante. Nel 2013 sono diminuite le commesse dal Giappone (il cliente straniero più importante al quale la Sofim consegna 240 motori al giorno per i furgoni a marchio FUSO, una joint venture fra Mercedes e Mitsubishi) che ha ancora in magazzino una consistente parte dei circa 80mila motori acquistati l’anno scorso.  
La ripresa, dunque, è legata al mercato nipponico che, ci si augura nel mondo FIAT, si sblocchi nei prossimi mesi. Per evitare la CIG, infatti, non bastano le commesse (tutt’altro che in crisi) della SEVEL e degli stabilimenti di Suzzara, Pregnano Milanese, Bolzano, Spagna, America e Russia.
E allora si incrociano le dita per le sorti altrui.
(G.Z.)

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic